Gara podistica per poveri cristi


#1

Ciao, mi chiamo Luca e sono un povero cristo.
Approfittando dello splendido contesto paesaggistico materano e della sua notorietà cinematografica con film come The Passion o Maria Maddalena, vorrei organizzare una gara podistica per poveri cristi, una corsa la cui caratteristica principale è che ogni partecipante corra con una croce commisurata alla sua statura.


Ognuno ha la sua croce, ma è pur sempre necessario correre!
Il percorso della gara può interessare i Sassi, il piano e concludersi in bellezza sulla murgia al tramonto.
Il progetto è destinato a tutti, uomini e donne, poveri cristi e povere criste che non temono la stigmatizzazione.
Il progetto ha costi contenuti, relativi principalmente all’organizzazione e alla comunicazione. Per quanto riguarda la realizzazione delle croci penso di chiedere una sponsorizzazione tecnica a qualche falegname/falegnameria locale e a volontari che possano aiutare a realizzare delle croci di diverse misure e pesi.
La gara potrebbe essere organizzata in qualsiasi momento dell’anno, io propongo di farla l’anno prossimo nella settimana successiva alla Pasqua, per cavalcare l’onda della de-stagionalizzazione degli eventi.
L’evento ha un carattere globale vista la presenza di poveri cristi ovunque. Inoltre la notorietà di Matera come set cinematografico naturale a tema può aiutare l’internazionalizzazione dell’evento. Il bacino di sponsorizzazioni quindi non è legato solo a ditte e realtà locali.
Grazie per l’attenzione.
Luca


#2

Avevo pensato ad una corsetta seria in occasione degli eventi mensili di giugno dedicati allo sport, ma devo dire che la tua idea mi pare fortissima. Prenoto la mi croce e intanto ti cuoro.


#3

A me piace, anche se forse farla tipo il venerdí santo sarebbe stato meglio. Lavoriamo per il venerdí santo 2019?


#4

Come ho già detto a Luca, io corro solo in casi di catastrofi naturali. Tuttavia, mi propongo come “motivatore” armato di frusta e borraccia con l’aceto


#5

Ehm… e ritorna la Bellucci nelle vesti di Maria di Magdala … ?


#6

Io supportissimo tutto! Sarebbe bello anche qualche cenno a cristo nel vestiario di ogni partecipante,lascerei poi da parte il giorno religioso vero e proprio per non risultare mancanti di rispetto verso i religiosi credenti.


#7

@ida dipende da cosa vuoi sottolineare. Se la croce, ok per venerdi santo, ma per me il focus resta la “corsa” (non competitiva ovviamente), e quindi ce lo vedrei bene come evento della community per giugno. Avremmo anche il tempo per lanciare dei laboratori o volantini da stampare per costruirsi da soli le croci stile ikea :joy: (tuzziamo qualcuno all’ODS, occorrendo)

A me l’idea pare davvero forte, molto autoironica (ce n’è di assai bisogno), considerando non solo il messaggio su Matera come set cinematografico per film di passione (biblica) con tutto l’annesso per una necessaria riflessione sul territorio e lo sviluppo possibile, ma anche suggerendo che i “poveri cristi” possano essere un po’ i materani che dovranno - nonostante tutto- trottare per tutto il 2019 alle porte, con addosso la croce dei nostri secolari problemi…

Ma nel 2020 risorgeremo! :heart:


#8

anche io la trovo un’idea fantastica :smiley:
la programmiamo per il 19 dedicato allo sport?


#9

Si, forse conviene già aprire dei 3d dedicati a maggio e giugno per iniziare a raccogliere le idee?


#10

Spettacolare!


#11

Sono contento che tanti poveri cristi come me abbiano manifestato il loro interesse per la competizione podistica. A questo punto faccio un passo in avanti e una proposta di sviluppo.

Dai commenti e suggerimenti arrivati on line e per strada sono emersi un po’ di punti:
1. La data. Rispondo subito a Ida e alla sua proposta: organizzare la corsa per il venerdì santo avrebbe un carattere un po’ blasfemo e non è interesse di nessuno creare confusioni o fraintendimenti.
Giugno mi sembra troppo vicino, mi piacerebbe poter coinvolgere poveri cristi da tutta Italia e Europa. La comunicazione ha bisogno di tempi che non possono essere accelerati (senza tanti soldi).
2. iscrizione libera ma premio in denaro: far pagare un povero cristo sarebbe un controsenso, per questo immaginavo un’ iscrizione libera e gratuita. Mettere in palio un premio in denaro sarebbe invece coerente con le esigenze dei poveri cristi e potrebbe essere un grande incentivo per dare il meglio e trascinare la propria croce fino al traguardo!

3.”la croce la porto io o me la date voi?” - La questione croce è cruciale.
L’idea di Nino, di creare un kit di autocostruzione insieme all’ODS mi sembra brillante, ma non basta. Io credo che l’organizzazione debba fornire le croci, ma non in via esclusiva.
Il povero cristo che si iscrive alla competizione può:

  • gareggiare con una croce affidatagli dall’organizzazione
  • portarsi la sua croce, a patto che abbia un peso e una dimensione che non crei vantaggi sugli altri concorrenti.
  • portarsi la sua croce, ma se immateriale o troppo piccola e leggera - es. un fascio di cambiali - sarà esibita/attaccata a una croce fornita dall’organizzazione.
    Naturalmente escludiamo croci gonfiabili e croci con le rotelle.

4. abbigliamento
I partecipanti possono vestirsi come vogliono, in costume storico o indossando i panni di lavoro…insomma ogni povero cristo si veste come meglio crede!

5. il percorso - io vorrei vedere i concorrenti correre lungo le vie centrali e per i Sassi. Ma mi piacerebbe troppo chiudere la corsa sulla murgia, con il traguardo sullo spiazzo di Murgia Timone/ “golgota” di Mel Gibson, visibile dai sassi.
Per non spaventare i poveri cristi partecipanti la corsa potrebbe avere due sessioni - una mattutina e una pomeridiana, la prima urbana e la seconda extraurbana. Per il trasporto dei poveri cristi potremmo utilizzare i pulmini scoperti o coinvolgere le apette che possano portare i poveri cristi e le loro croci dalla città fino all’ingresso del parco murgia.

6. motivatori / personal trainer
Più di una persona si è proposta per incentivare i partecipanti attraverso l’uso di borracce con aceto, fruste e lance. Credo che la presenza di motivatori sarebbe utile e anche d’aiuto per il carattere spettacolare dell’evento. Forse però applicherei una costo d’iscrizione per loro.

7. come si sostiene questo evento. Questa prima edizione potrebbe essere organizzata senza grandi dispendi economici, con l’idea di testarsi e costruire una squadra che investe sull’evento, oltre che avere un precedente per cercare sponsorizzazioni. Continuo a pensare che la gara ha un alto potenziale internazionale e eviterei di cadere nella territorialità materano/lucana…penso alle competizioni volanti che la redbull organizzava fino a qualche anno fa, Red Bull Flugtag.
Per questo primo anno proporrei di coprire le spese vive attraverso sponsorizzazioni che possono essere applicate sulle croci che l’organizzazione fornisce ai partecipanti - stile Formula Uno - , oltre naturalmente alla visibilità degli sponsor su tutti i materiali di comunicazione. Immagino anche la possibilità di creare dei gadget da vendere a corredo dell’evento, oltre a altre forme di finanziamento.

Bene, detto tutto mi piacerebbe organizzare un incontro fisico - con possibilità di partecipare anche online - con quanti vogliano unirsi concretamente alla realizzazione della 1a gara podistica per poveri cristi.
Sarebbe bello se potessimo incontrarci nel Casino Padula - sede dell’Open Design School.
Io propongo venerdì 13 o sabato 14.

Resto in attesa.
Grazie per l’attenzione,
Luca


#12

Purtroppo per me quei due giorni sono out.
Rimandiamo alla prossima settimana?


#13

Salve a tutti,

Luca ho cercato di dare un contributo in merito al punto 5; mi sono preso la briga di ipotizzare un percorso che sia il più possibile congruo con gli obiettivi e le finalità dell’evento podistico.

Ho elaborato un percorso, tramite il sistema Web Gis regionale di rilevamento del territorio, della lunghezza totale di circa 2,2 km di cui:

  • 700 metri sul piano (da Piazza V.Veneto al Duomo)
  • 300 metri su chianche - stradine interne dei Sassi (da Duomo a Porta Pistola)
  • 1200 metri di murgia - scendere e risalire Torrente Gravina (da Porta Pistola a Belvedere Murgia Timone)

Ho realizzato anche una mappa che dà evidenza del percorso specifico e delle distanze.

Di certo non sarà una gara per tutti quindi nel caso siate d’accordo sulla scelta del percorso bisogna avvisare i partecipanti di prepararsi atleticamente, la gara è estrema.

PS: bisognerebbe però chiedere all’Ente Parco se ci rende agibile in tempo il tratto sterrato !


#14

Ottimo, anche se io farei passare la corsa anche da via muro (la grande scalinata).
Non so a che punto è la discesa da porta Pistola, è chiusa e non so se la riapriranno, però mi sembra un ottimo spunto per iniziare a quantificare la fatica. Sto pensando a fare un test…a breve vi aggiorno!


#15

Luca se vuoi vengo a cronometrarti ! potrei anche portare un vilipino e frustarti in modo tale da rendere il test più attendibile … resto a disposizione


#16

io ho oltrepassato la fase povero cristo essendo ai suoi piedi, mi propongo come portatore della croce di Luca per qualche metro ma senza frustate.