letteratura di Matera " Città dei Sassi"

Ritratto di colonna felice

TEMA: 

Nei “ Sassi di Matera “al calar del sole

Fino agli anni Cinquanta

 

Or che nella corte del vicinato

Sirio lentamente s’asconde

Dietro i crinali dell’Appennino,

Si smorza il chiasso dei fanciulli.

Ad una ad una escono dalle case-grotte

Le madri e le figlie da marito

Ch’hanno di già approntato

Il modesto desinare ai mariti o ai padri.

Han tempo fino all’imbrunire e oltre,

Per spettegolare o lamentarsi,

Quando stanchi e affamati

Gli uomini tornano dai campi seminati

O dai piccoli orti o dalle vigne proprie,

talora dalle altrui proprietà.

L’asino o il mulo a lor dinanzi

Avanzano zoccolando sul selciato sconnesso.

Qual più gonfia qual meno

Donzolano le bisacce

E canta l’acqua di fonte nei barili.

Le fiasche son vuote, più di vino che d’acqua.

La parca cena li ristora, il vino, prezioso

E perciò misto ad acqua, li disseta.

Indi assisi sul muricciolo con gusto

Aspirano tabacco dalla pipa attempata

O dallo spinello fresco di paziente fattura.

Han poco tempo per scambiare

Qualche parola coi vicini di casa,

Già che la stanchezza del duro lavoro

Ormai ha il sopravvento e calano

Le palpebre, di tanto in tanto.

Le donne di casa han sparecchiato

E lavato le stoviglie, non tante.

Ora mettono a letto i loro uomini e bambini,

Spengono i costosi lumi e tornano

A confabular con le vicine.

Che mai si dicon tra loro?

E’ presto detto: nascite, matrimoni e lutti,

Figli e acciacchi, gioie e dolori,

Speranze e delusioni.

Anche l’andamento del tempo

È tema ricorrente, perché dai capricci del cielo

Dipende ogni spiga, ogni legume,

Ogni tronco di vite, ogni dono dell’orto,

Ogn’erba selvatica o medicinale.

Vita semplice e dura, scandita

Dalla vicenda incessante delle stagioni. 

Vita breve per ogni sorta di male,

Che non risparmia bambini, gestanti,         Puerpere, uomini sfiancati dalle fatiche

Dal primo mane a tarda sera,

Più di rado anziane dalla pelle grinzosa.

Eppur vita tranquilla, più che nel dopoguerra

Frenetico, incalzato da presunto progresso.

 

 

 

 

 

Italiano

3 Commenti