Un CoderDojo a scuola?

Ritratto di michele ventrelli

TEMA: 

Ho partecipato come Dirigente scolastico dell'IC Pascoli di Matera, ma soprattutto come insegnante e genitore alla giornata dedicata a CoderDojo. L'ottimo e giovane Carmelo Presicce mi/ci ha dato una "lezione" di didattica e pedagogia in poco meno di tre ore. Partendo dal creative learning, passando per l'utilizzazione passiva degli strumenti informatici e terminando con la vera molla che spinge i bambini ad apprendere ovvero la motivazione, Carmelo ha introdotto questo mondo favoloso della "programmazione" attraverso il software Scratch. Una punta di scetticismo è stata superata quando, tornato a casa, ho sottoposto i miei due bimbi, alla prova di Scratch: brillantemente superata.

Ho l'onore di dirigere una scuola con ca. 1400 alunni dai 3 ai 14 anni e vorrei che anche loro potessero avere l'opportunità di incontrare "il mitico gattino". Cerchiamo mentor che possano applicare i consigli dettati dalla pedagogista Barbara Laura Alaimo, una dei promotori del Dojo di Milano: 1) Siamo curiosi e attenti 2) Il bambino è COMPETENTE 3) Stare di fianco e non davanti 4) Gli errori ci piacciono (questo mi piace più di tutti) 5) Incoraggiamo 6) Non diciamo "non" 7) DIVERTIAMOCI.

Undefined

34 Commenti

Ritratto di piersoft

Michele, hai pensato per la tua esperienza, che tipo di progetto si può intraprendere?

Progetto unico o differenziato verso i bambini da una parte e dall'altro verso gli insegnanti?

Ci sono fondi a disposizione in modo da chiamare magari altri Club CoderDojo d'Italia a gestire un percorso di alcuni mesi?

Si potrebbe allargare a tutta la regione?

Ritratto di Alberto Cottica

Idea interessante. Ci sono esperienze di CoderDojo "di lungo periodo", fatte cioè in modo continuativo? Quanti bambini può gestire un mentor? 

E poi, Michele: io sono vecchio e non ho figli, quindi non conosco direttamente il mondo della scuola. Ma i consigli pedagocici di cui parli mi sembrano generali, non specifici della programmazione. Non dovrebbero essere applicati di default, da tutti gli insegnanti? Di conseguenza, forse puoi usare i tuoi insegnanti (o almeno alcuni) come mentor?

Ritratto di piersoft

Alberto, le 7 regole citate da Michele sono state presentata da Carmelo al CoderDojo di Matera. Sono certamente generali ma sono fatte da Barbara, una pedagogista mentore di lunga data di CoderDojo.

Il senso è che CoderDojo non si impara solo a programmare ma programmando si impara a vivere in relazione, in empatia, con schemi logici e creativi blabla bla.

Ritratto di Alberto Cottica

Ma appunto, Piero. È esattamente la stessa cosa che si potrebbe dire della scuola in generale:

"Il senso è che A SCUOLA non si impara solo LEGGERE, SCRIVERE, RISOLVERE SEMPLICI PROBLEMI MATEMATICI ETC. ma FACENDOLO si impara a vivere in relazione, in empatia, con schemi logici e creativi blabla bla."

Se un insegnante sa fare questo, con un corso di Python semplice semplice diventa un mentor di CoderDojo. Sbaglio?

Ritratto di piersoft

Non sbagli. Ma c'è da aggiungere il parametro tecnologia, che tu mi insegni, non essere mai neutrale. A seconda dei bambini, ragazzi ect, va usato lo strumento e il PERCORSO formativo ad hoc per tenere alta la sua attenzione. Si iniizia con Scratch e si sale con HTML o altre cosette. C'è in mezzo anche Arduino for Scratch per comandare robottini esterni e cosi via. Quindi non basta conoscere, bisogna calibrare. Inoltre, l'approccio è quello del Creative Learning. Spesso gli insegnanti (e i genitori) intervengono dall'esterno a "dare la soluzione" e questo vanifica tutto. Sembra un gioco ma è una didattica nuova e complementare. Tutti i docenti sono sicuramente avvantaggiati, ma devono avere mente aperta e non cercare di forzare questi nuovi approcci con metodo tradizionali.

Ritratto di Ida Leone

Seguo con molta attenzione questa Missione. In occasione del contest Porta la tua scuola nel 2019 sono andata personalmente a trovare la preside della mia vecchia scuola media, la Domenico Savio di Potenza, che adesso è un istituto comprensivo che comprende (appunto) anche le "mie" elementari. E mi è sembrata una persona attenta e curiosa. Vorrei provare a proporre anche a lei un Coderdojo.

Ritratto di piersoft

Allora, io propongo questi steps:

1) incontro presso la scuola con alcuni docenti individuati da Michele insieme ai partecipanti del primo CoderDojo che vogliono partecipare a questa nuova fase

2) Individuazione di un secondo CoderDojo entro 10 giorni tra 1-2 classi e i mentors del punto 1) anche per testare la capacità divulgativa e organizzativa degli stessi.

3) Individuazione di eventuali percorsi finanziati per allargare la cosa a molti mentors e/o renderla un percorso continuativo per tutto l'anno scolastico 2014-2015 con partenza a Settembre

4) Pianificazione di un mega CoderDojo allargato e contemporaneo delocalizzato, diciamo per fine Settembre, in cui coinvogere N scuole del territorio regionale, con l'ìintervento anche di altri club CoderDojo d'Italia

Do questi tempi, perchè sarebbe bello che questa esperienza rientrasse nel secondo Dossier di candidatura e comunque di potesse fare PRIMA dell'audizione finale al Mibact del 17 Ottobre in cui si discuterà la parte finale del percorso di Candidatura di Matera.

Che ne pensate?

Ritratto di piersoft

Possiamo allargare a chi vogliamo, ci mancherebbe. Solo che non siamo pronti per un coderdojo in autonomia. Io personalmente potrei provarci, ma non so se basterebbe. Vogliamo organizzare una "simulazione" tra pochi genitori/docenti e il giorno dopo con una classe sperimentale?

Ritratto di sarotta

Cari tutti, belle queste iniziative!  Purtroppo non sono riuscita a partecipare all'incontro del 23 (perché le mie classi avevano già preso un impegno in quella data, ahimé!) ..però se ci fosse una seconda possibilità mi piacerebbe entrarci ! 

 

Ritratto di Alberto Cottica

Sarotta, Luigi, ma: e se cercassimo di fare un elenco di insegnanti materani interessati all'esperienza CoderDojo? Ha senso?

Ritratto di sarotta

si può provare.  

Non male l'idea che siano i Dirigenti a coinvolgere gli insegnanti e fornire i nomi degli interessati.

 

Ritratto di Alberto Cottica

Non so molto di scuola... ma non sarebbe meglio che l'iniziativa partisse daglli insegnanti? Così ci troviamo gente motivata ai CoderDojo, non gente che è stata mandata lì. Sbaglio?

Ritratto di sarotta

Certo, serve gente motivata !  Il problema è: come pubblicizzare la notizia?  come far sapere agli insegnanti che esiste questa iniziativa?

Allora... se la scuola INFORMA, gli insegnanti lo sanno. Poi ci sarà qualcuno interessato e altri che non lo saranno.

 Costringerli .... la vedo difficile!

 

Ritratto di piersoft

Decisamente NON deve sembrare un'imposizione di un dirigente, seppur illuminato.

la cosa piu' naturale è parlarne con i docenti, fargli vedere cone funziona, farli partecipare.

inutile premeditare troppo. Coderdojo è disarmante per la sua inclusività digitale. Incontriamo alcuni docenti e genitori magari insieme a 2-3 mentors presenti al primo coderdojo e vediamo se scatta la scintilla

Ritratto di piersoft

Bene. il 4 pomeriggio ci incontriamo con Michele, alcuni insegnanti e alcuni mentori del primo CoderDojo e vediamo cosa succede! vi aggiorniamo su questa missione

Ritratto di piersoft

L'incontro è stato molto utile e interessante. C'erano insegnanti, un rappresentante dei genitori e i Mentors Vincenzo Mark Marcello ed io.

Abbiamo pianificato un secondo CoderDojo presso l'IC Pascoli entro fine mese (o proprio il 30, vi terremo informati).

Poi ne faremo altri a Luglio e a settembre per arrivare ad un mega evento, che se il nostro CoderPreside riesce a portare avanti, sarà una cosa bomba!

Vi terremo tutti informati!

Ritratto di piersoft

Bene, ho inserito l'evento per il secondo CD nel calendario. Spargiamo la voce se vogliamo.

L'evento è QUI

Ritratto di piersoft

Ricordo a tutti di passare parola e che il CoderDojo la mattina è per adulti e il pom dalle 15.30 alle 19.30 max per bambini da 5 ai 14 anni

Ritratto di piersoft

Amici il secondo CoderDojo è andato bene. Molto bene. Anzi tanto bene che abbiamo dovuto dividerci in due classi e in contemporanea io e vincenzo patruno coadiuvati dai mentors freschi freschi battessati nella mattinata, abbiamo fatto giocare e divertire quasi 60 bambini. Un'apoteosi di gioia. se avrò tempo inserirò tutti i commenti scritti da ciascun bambino alla fine della sessione. Esperienza da ripetere, consolidare ed espandare. Grazie all'IC Giovanni Pascoli per l'imponente partecipazione, il 30 di GIUGNO.. non scontata

Ritratto di piersoft

Amici, tra meno di un mese si riprende alla grande con tanti mini coderdojo.

Obiettivo: fare un coderdojo di 1000 bambini. Si avete capito bene. 1000 bambini.

Mille testoline, che giocano, scoprono, si divertono, crescono. Capiscono che il futuro è nelle loro mani non solo per giocare passivamente ad Angry Birds ma per poter "fare" loro qualcosa.

"E' come insegnare a leggere e scrivere. Non tutti diventano scrittori, ma useranno questa abilità per vivere".

Non sarà uno scherzo organizzare tutto questo. Confido moltissimo nel corpo docenti dell'Istituto Giovanni Pascoli, nel suo Preside @michele ventrelli e in voi tutti.

Gli steps che ho ipotizzato:

1) ogni venerdi di Settembre fare il CD per Mentori e bambini. Quindi arrivare a fine mese avendo formato 90-100 mentori

2) coinvolgere nel mese di Settembre altre classi di altre scuole (Minozzi ect)

3) Specializzare i mentori per bambini 5-7 e 7-13

4) Creare un piccolo gruppo di lavoro per pianificare l'organizzazione operativa: sede, prese elettriche, comunicazione, rapporti con le istituzioni ect

5) il CoderDojoMT2019 potrebbe essere fatto il 7 ottobre, giorno in cui verrà la commissione europea a visitare Matera. Prima, dal 3 al 5 c'è l'OSMIT 2014, cioè il raduno nazionale di OpenStreetMap a Matera e non possiamo sovrapporci. 

Ho già l'ok da parte del Sindaco per scegliere noi la location che vogliamo e il Comune ci darà il supporto logistico che ci serve (elettricità, wifi per emergenza ect)

Ma la parte dura è la formazione. Vorrei insieme a voi decidere il taglio della formazione, i docenti, se fare una location unica con tanti sotto CD (per età?) ect. Insomma sappiamo la meta ma dobbiamo affinare il percorso. Non ci sono altri casi in Europa. Per cui dobbiamo narrare il percorso e se ci viene bene potremo quindi essere di riferimento e di aiuto per tutti gli altri CD. Vorrei chiamare 2-3 mentori storici d'Italia come Carmelo Presicce o Agnese Addone. Ma anche qui va coordinato con il MKAffair di Roma che capita proprio ai primi di Ottobre.

Dimenticavo: tutti i docenti, genitori, mentori ect si iscrivessero alla Community se vogliono commentare (cosi ricevono notifiche ai commenti) piuttosto che semplicemente venissero qui a leggere per avere la storia di tutto il percorso.

Ritratto di minghiarjl

Caro Piersoft tu sai ke io ci sarò e anke mio figlio Manuel e naturalmente farò portavoce anke con gli altri mentors ke hanno partecipato al  precedente CD.

Ritratto di Marc SCHNEIDER

Ciao,

Dobbiamo ovviamente prima chiedere ma penso che sarà possibile organizzare la formazione dove c'era l'unMonastery (Palazzo del Casale). C'è spazio con diverse "stanze", quindi secondo me sarebbe possibile organizzare "sotto CD" per età.

Ritratto di piersoft

Marc grazie, ma penso che nella mega scuola Pascoli l'ultimo dei problemi sia lo spazio. Considerando che è aperta 16 ore al giorno :-)

Ritratto di piersoft

Amici, anche questo quarto CoderDojo è andato bene. dopo la presentazione del progetto, il buon Vincenzo Patruno ha dilettato i mentori "alunni" prevenienti da tutta la provincia ed anche oltre (c'era Tito e Potenza con una rappresentanza).

Il prossimo appuntamento è Giovedi 11, alle ore 15.30 sempre per mentori adulti.

Ora inizia la fase di programmazione per il CoderDojo, che abbiamo deciso di chiamare Big-One, del giorno 4 Ottobre (da confermare). Il problema sono i numeri. Trovare 800 bambini non è un problema. Il punto sono i mentori "relatori". Infatti tra tutti i mentori fino ad ora formati solo io e Vincenzo e forse un'altro, ce la sentiamo di parlare in pubblica tenendo un tutorial ad hoc con i bambini. gli altri mentori hanno espresso il desiderio di essere angeli custodi tra i banchi ma non di relazionare.

Quindi sono nate varie ipotesi:

1) Ipotesi più CD contemporanei di 150 bambini. Abbiamo sala convengi e palestra dove con uno sforzo di volontari (mentori genitori ect) potremmo spostare 300 banchi e quindi fare esempio una sessione dalle 10.00 alle 12.30 ed un'altra dalle 15.30 alle 18 in ciascuna sala -> totale 600 bambini

2) Arrivare a 20 mentori relatori (non so come) per fare 20 CD in ogni classe. Le classi le gemelleremmo con altre classi o istituti per un totale di 30-35 bambini per classe e quindi torniamo a 600-700 bambini. Organizzativamente è più semplice ma non riusciamo a far crescere i mentori relatori.

Che proponete? Cmq dopo il CD del giorno 11, dalle 17.30, per chi volesse ci fermiamo un'oretta con il CoderPreside Ventrelli e vediamo come procedere.

Ritratto di piersoft

Traduco questi appunti presi con Michele Ventrelli Sara Adorisio Francesco Paolicelli Angelo Venezia.

Il 4 Ottobre ci sarà il ‪#‎BigCoderDojoMt2019‬ cioè un evento di 600-700 bambini circa che giocheranno imparando la programmazione. Avevamo pensato a questa organizzazione operativa:
Sede Pascoli di Via Lucrezio:mattina scuole elementari (150 bimbi) e nel pom scuole medie 100 bimbi + 50bimbi di altro IScolastico sempre medie.
Cosi si spostano solo i banchi delle elementari che si affacciano sull'atrio
Sede Pascoli Elementari Via lazzazzera:
100 bimbi mattina e 100 bimbi pomeriggio
Sede Pascoli Medie:
1) primo gruppo in sala professori la mattina con 80 bimbi
2) secondo gruppo atrio prima del teatro, con altri 80 bimbi.
Cosi si spostano i 160 banchi tutti sullo stesso piano.

Servono 4 mentori relatori contemporanei. Poi vediamo chi e dove. faranno mattina, pausa, pomeriggio.

Per tutti gli altri mentori è fondamentale procurarci:
4-5 ciabatte per classe cioè circa 120 ciabatte elettriche.

Sensibilizzare e magari iniziare a fare un elenco numerico per classe di quanti bimbi hanno proprio PC portatile.
Ogni genitore aiutasse a fare zona merenda portando bibite e merende per la comunità (nel 3 plessi )

Qualche chiavetta usb con scratch ma fare una forte campagna di sensibilizzazione con tutti i genitori per scaricare da scratch.mit.edu/scratch2download i 2 files (adobe air e scratch).

Ida sta provvedendo agli adesivi.

Cartellone mt2019 l'ho già chiesto a Raffaella e non dovremmo avere problemi.
Ho dimenticato qualcosa?